p.png

 



 
Se non è possibile realizzare un’installazione sottobattente, in conformità alla norma, si può installare il sistema SOPRABATTENTE, anche se la norma, in una nota al punto 10.6.1, scoraggia e sconsiglia l’installazione soprabattente, e specifica che è possibile installare il sistema in aspirazione soltanto se non è possibile realizzare un’installazione sottobattente.
La norma fissa quindi la distanza massima tra l’asse delle pompe e il punto più basso della tubazione di aspirazione in 3,2 m.
È prevista inoltre l’installazione di una valvola di fondo. Anche per l’installazione soprabattente è previsto l’utilizzo di un tronchetto di allargamento, ma non è prevista la valvola a farfalla.
La velocità max di scorrimento dell’acqua nella tubazione è:
Velocità max 1,5 m/s

 

 

 
 
 

 Secondo la normativa UNI EN 12845 si intende IMPIANTO SOTTOBATTENTE l’impianto che:
· ha almeno due terzi della capacità effettiva del serbatoio di aspirazione al di sopra del livello dell’asse della pompa;
· l’asse della pompa non deve essere a più di 2 m al di sopra del livello minimo dell’acqua nel serbatoio di alimentazione.
 
Inoltre viene definita la velocità max di scorrimento dell’acqua nella stessa, secondo i seguenti parametri:
Velocità max 1,8 m/s
Sulla bocca di aspirazione va collegato direttamente un tronchetto di allargamento conico eccentrico, quindi con la parte superiore orizzontale e la parte inferiore con un angolo di inclinazione pari a 20°. Tra il tronchetto di allargamento e la tubazione di aspirazione deve essere prevista una valvola a farfalla.

 

 
 

 
Le stazioni di sollevamento per acque bianche e nere consentono il trasferimento di reflui a quote superiore e, pertanto, sono indispensabili quando la quota degli scarichi è più bassa rispetto all’impianto di depurazione o delle condotte fognarie ed anche quando il profilo idraulico del sistema di depurazione non riesce a svilupparsi per gravità.
La vasca, che può avere dimensioni variabili a seconda delle esigenze, può alloggiare una o più elettropompe sommergibili a seconda della tipologia del refluo, del dislivello da superare e dalla portata necessaria al punto di scarico. La pompa è regolamentata da un quadro elettrico a funzionamento manuale che elettrico, mediante galleggianti di marcia/arresto posizionati all’interno dell’impianto. Nei modelli a doppia pompa, il quadro elettrico gestisce anche l’utilizzo alternato o contemporaneo delle pompe, e può anche essere dotato di allarme acustico-visivo, telecontrollo, logica programmabile PLC, controllo remoto, telegestione, combinatore telefonico, gruppo elettrogeno, batteria tampone, soccorritore UPS, inverter.

RICHIESTA DI OFFERTA DIRETTA

p.png
Precabl Srl
Via Casapapa 5
83029 Solofra Av
Tel.0825/534783
P.IVA 02077020648

Copyright © Precabl 2017