visualizza le cabine elettriche precabl
visualizza le apparecchiature precabl.png
visualizza le vasche raccolta acque precabl.png
Untitled-1.jpg

Appunti 

 Notizie dal mondo Precabl

  #cabineomologate  

 Cabine omologate       cabine enel 

Dg 2061 Dg2092 #dg2092Enel #enel

Cabine elettriche prefabbricate   #Cabine elettriche prefabbricate

 cabine elettriche a struttura monoblocco consente di costruire e assemblare il manufatto direttamente nello stabilimento di produzione. Questo permette di limitare le operazioni di posa e ridurre i tempi di manodopera in cantiere.  Le cabine monoblocco possono essere trasportate e consegnate in opera già allestite con le relative apparecchiature elettromeccaniche, garantendo tempi di fornitura più rapidi e costi certi.

Questa tipologia di cabine elettriche si presta in modo particolare laddove vi siano aree di posa molto limitate.

Le cabine monoblocco si prestano ad essere affiancate in modo tale da comporre una cabina elettrica senza alcun vincolo di lunghezza. La larghezza esterna non supera i 2.50 mt in modo tale da poter essere facilmente trasportabile.

Sono composte da due elementi: la vasca di fondazione predisposta con i fori a frattura prestabilita e le connessioni per l’impiantito di terra e il manufatto fuori terra composto dalle pareti, divisori, tetto, pavimento e accessori quali porte, griglie di areazione e torrini eolici.

È previsto che prima dell’arrivo della cabina elettrica sia stato eseguito lo scavo e predisposta una platea di appoggio

La struttura è calcolata, in conformità al D.M. 14.01.2009 “Norme Tecniche sulle Costruzioni” e rispondente alle Tabelle di unificazione nazionale Enel DG2092 – DG2061.

CONTATTACI

Cabine elettriche prefabbricate

Le cabine elettriche prefabbricate progettate e prodotte dalla B Group Italia sono rispondenti all’applicazione della normativa vigente, tutte corredate delle certificazioni stabilite dalle Norme.

Caratteristiche monoblocco costruttive

Cabina di trasformazione prefabbricata in cav, realizzata con monobox di tipo monolitico. Calcestruzzo con resistenza caratteristica R’ck 400 Kg / cm2. Le pareti, di spessore cm. 7/9, sono internamente ed esternamente trattate con intonaco murale plastico di tipo graffiato. All’interno, sottotraccia, è realizzata l’applicazione elettrica di illuminazione in conformità alle norme CEI. Il tetto, spessore cm. 11, un corpo unico con la struttura del chiosco, è impermeabilizzato con guaina bituminosa applicata a caldo o resina epossidica. Il pavimento ha uno spessore di cm.10, ed è calcolato per sopportare un carico uniformemente distribuito non inferiore a 500 kg / mq + 3000 Kg concentrati in mezzeria,viene inoltre predisposto con apposita finestratura per il passaggio dei cavi MT e BT ed è idoneo a sostenere il peso delle apparecchiature elettromeccaniche anche durante le fasi di trasporto e movimentazione. Nella struttura in cemento l’armatura elettrosaldata viene fissata ai contro-telai degli infissi in maniera tale da formare una rete equipotenziale di terra uniformemente distribuita su tutta la superficie del chiosco. La

Monoblocco struttura monolitiche di lunghezza variabile da 200 cm sino a 950 cm. e larghezza variabile 250/300 cm. con pareti sp. 7 cm ., Per la realizzazione di cabine elettriche prefabbricate per apparecchiature di elettromeccaniche ad uso degli Utenti privati. Completi di vasche di fondazione, infissi ed impianto elettrico sottotraccia.

Monoblocco struttura monolitiche di lunghezza variabile da 200 cm sino a 950 cm. e larghezza variabile 250/300 cm.  con pareti sp. 9 cm., Per la realizzazione di cabine elettriche prefabbricate per apparecchiature di elettromeccaniche e uso degli Enti di Distribuzione e degli Utenti privati. Completi di vasche di fondazione, infissi ed impianto elettrico sottotraccia. Completi di vasche di fondazione, infissi ed impianto elettrico sottotraccia.

Su richiesta si realizzano soluzioni di cabine elettriche prefabbricate complete di apparecchiature elettromeccaniche fornite in opera cablate, collaudate e certificate, pronte per la messa in servizio. Le cabine presentano una notevole resistenza agli agenti atmosferici, in quanto vengono trattate con speciali intonaci plastici ed impermeabilizzanti, che immunizzano la struttura dalla formazione di cavillature e infiltrazioni. Le pareti interne, vengono finite con tinteggiatura al quarzo di colore bianco e sottotraccia, conterranno l’uso elettrico di illuminazione. Le pareti esterne, tinteggiate con pittura al quarzo / gomma ed effetto bucciato, ottima resistenza agli agenti atmosferici, anche in ambiente marino, montano, industriale o altamente inquinato.Il colore standard è definito nella scala RAL – F2 . 

  • pareti interne: RAL 9010 bianco

  • pareti esterne: RAL 1011 beige-marrone RAL 7032 grigio siliceo RAL 1014 avorio RAL 6025 verde felce

  • copertura: RAL 7001 grigio argento

  • infissi

Le normali condizioni di funzionamento delle apparecchiature installate, sono garantite da un sistema di ventilazione naturale ottenuto con griglie di areazione.

A corredo della cabina vengono installati installati infissi in vetroresina per il vano ENEL e Misure (Omologazione ENEL DS 919 – DS 988 – DS 927):

  • Portoncino in vetroresina a due ante mm. 1200 × 2150

  • Portoncino in vetroresina ad una anta mm. 600 × 2150

Il peso del monobox è di circa 24 ql./ml. Il peso del basamento del rialzo è di circa 14 ql./ml. Il manufatto viene realizzato adottando un sistema produttivo qualificato secondo le norme ISO 9001: 2015 – ISO 14001: 2004 ed è certificato come da normativa vigente: 

  • DM Infrastrutture e Trasporti 14 Gennaio 2008;

  • Tabella di unificazione Enel DG2061;

  • Tabella Enel DG10061 prescrizioni costruttive;

  • Tabella Enel DG10062 prescrizioni di collaudo;

  • Omologazione Enel DG2061 Ed.6 Luglio 2010;

  • Norma CEI EN 60529 – CEI 70-01;

  • Enel DG2092 rev.02 – 01 Luglio 2011;

  • Enel DG2092 rev.03 – 15 Settembre 2016;

  • Enel DG2061 ed. 7-10 febbraio 2012

  • Enel DG2061 ed. 8-15 settembre 2016;

Il monobox viene fornito e costruito considerando un coefficiente di intensità sismica c = 0.10 (S = 12).

 Tutte le strutture sono progettate e rispondono alle normative vigenti e sono corrette dalle certificazioni controllate dalle Norme. 

Elenco cabine elettriche

Cabine Enel Monoblocco in CAV dim. 2500x5710x2600H – DG 2061 Ed.8 Monoblocco in CAV dim. 2500x5710x2600H – DG 2061 Ed.8 tetto a falde Monoblocco in CAV dim. 2500x6700x2600H – DG 2092 Rev.03 Monoblocco in CAV dim. 2500x6700x2600H – DG 2092 Rev.03 tetto a falde Monoblocco in CAV dim. 2500x5710x2600H – DG 2061 Ed. 7.1 Monoblocco in CAV dim. 2500x6700x2600H – DG 2092 Rev.02 Monoblocco in CAV dim. 2200x1800x2450H – DG 10200 ED.1  Monoblocco in CAV dim. 3060x2160x2450H – DG 2081 ED.5 tetto a falde

Cabine utente Cabine per fonti rinnovabili Cabina elettrica prefabbricata per svariate esigenze di produzione da fonti rinnovabili Cabine di decompressione Gas metano

Cabine di decompressione di gas metano, noi della vantiamo una lunga esperienza, sia per la progettazione che per la loro produzione. Questa ci ha permesso di raggiungere una elevata standardizzazione grazie alla flessibilità del sistema costruttivo. I manufatti autoportanti trasportabili soddisfano le richieste di rapida installazione su qualsiasi tipo di sottofondo.

La ventilazione all’interno della cabina avviene tramite le griglie di aerazione in alluminio complete di rete anti-passero che sono disposte nel locale decompressione per certificare una superficie netta di areazione pari ad 1/10 della superficie in pianta. Il sistema di installazione degli infissi garantisce la loro messa a terra tramite l’armatura dei pannelli prefabbricati. Nella fondazione sono ricavati i cunicoli e le tubazioni in PVC per il posizionamento delle apparecchiature e per l’arrivo dei servizi Telecom, Enel ed acqua.La lunga esperienza maturata nel settore delle cabine di compressione gas e metano, ha permesso di raggiungere una elevata standardizzazione grazie alla flessibilità del sistema costruttivo a copertura di tipo leggero è costituita da lastre in fibrocemento ecologico autoportante e viene opportunamente ancorata alla struttura. Il deflusso delle acque piovane è garantito dalle grondaie e dai pluviali in lamiera preverniciata. L’accesso all’interno della cabina viene realizzato con porte in lamiera d’acciaio coibentata, complete di cerniere di tipo antincendio con molla di chiusura automatica.

L’impianto elettrico è realizzato in conformità alle norme CEI 31-33.

Cabine elettriche a pannelli

Le  cabine elettriche a pannelli di B Group Italia, utilizzate per costruire il prefabbricato, proprio grazie alle loro caratteristiche di adattabilità e flessibilità possono essere utilizzate in quasi tutte le costruttive.

Le cabine vengono poste su una vasca sottostante  di fondazione  anch’essa  prefabbricata.

L’impianto di messa a terra e ‘costituito da una treccia di rame nuda di opportuno spessore, posizionato all’interno dello scavo distanziata perimetralmente di circa 1 metro dal basamento in opera, collegato
• alla rete elettrosaldata annegata nel basamento
• punto di terra interno alla cabina elettrica prefabbricata
• n. 4 spandenti a croce infissi nel terreno adiacenti agli angoli del basamento

L’impermeabilizzazione della copertura è realizzata utilizzando doppio strato di guaina Elastomerica incrociata applicata a caldo, di cui uno con superficie ardesiata con funzione protettiva e riflettente dai raggi solari.

Le cabine sono rispondenti alle prescrizioni e alle tabelle di unificazione Enel DG2092.

FINITURE E ACCESSORI (omologati Enel):

Tinteggiatura interna bTinteggiatura esterna

  • Porte in vetroresina complete di serratura

  • Griglie in vetroresina

  • Plotta in vetroresina

  • Copricunicoli in fibrocemento

  • Punto luce interno completo di plafoniera e interruttore

  • Impianto di terra interno

  • Connettori in acciaio per il collegamento interno / esterno della rete di terra

  • Quadro servizi ausiliari DY3016 / 1

  • Aspiratori eolici in acciaio inossidabile forniti di rete antinsetto

  • Foro passante per cavi temporanei (dotato di dispositivo di chiusura / apertura)

  • Kit preassemblati passacavi stagni

  • Targa identificativa

Le cabine elettriche a pannelli componibili in opera possono essere fornite  complete di  apparecchiature elettromeccaniche,  allestite e cablate  in opera.

DOCUMENTAZIONE NORMALMENTE A CORREDO FORNITURA:

  • Disegni esecutivi di ogni singolo manufatto.

  • relazione tecnica e documentazione di calcolo per deposito pratica ca a norma della L 1086/71

  • Attestazione di marcatura CE

  • Piano Operativo di Sicurezza a norma Dlgs. 81/08

  • Piano di montaggio elementi prefabbricati a norma della Circolare 13 del 20/01/82

  • Dichiarazione del produttore della risposta della casella locale Enel alle norme CEI EN 62271-202, CEI 0-16, CEI 17-63, CEI 11-35, e CEI 11-1,.

  • Certificato di conformità ISO 9001: 2008

  • Certificato di conformità ISO 14001: 2004

  • Certificato di conformità BS OHSAS 18001: 2007

  • Omologazione Enel DG 2061 REV.07.1 del 10/02/2012

  • Omologazione Enel DG 2061 REV. 8 del 15/09/2016

 

Nel locale decompressione è realizzato un impianto antideflagrante mentre nei locali Centrale Termica e Misure Elettroniche viene realizzato un impianto di tipo AD-FT con grado di protezione IP55.

Ai fini della sicurezza e della necessità di dotare la cabina di una protezione dalle scariche atmosferiche, viene realizzata una Gabbia di Faraday eseguita secondo le norme CEI 81-1.

Cabine elettriche metalliche

Cabine elettriche metalliche, per il loro corretto allestimento bisogna tener conto di un insieme di elementi vincolanti e di problemi diversi, esaminati attentamente grazie al risultato finale corrispondente a ciò che è espressamente richiesto dall’utente e previsto dal costruttore. Ciò implica un’accurata progettazione impiantistica al fine di assicurare alla cabina metallica affidabilità e sicurezza. Ogni componente è soggetto a specifiche normative, prestazioni separate reciproche interazioni, vincoli e condizionamenti diversi, ciascuno dei quali offre una scelta tra più alternative, da effettuare con la necessità competenza. La cabina metallica viene realizzata secondo la normativa CEI 17-6 (Apparecchiatura prefabbricata con involucro metallico per tensione da 1 kV a 52 kV CEI-EN 60298) e CEI 17-13 (Apparecchiature assiemate di protezione e manovra per bassa tensione (quadri BT) CEI-EN 60439) per essere installato nei luoghi di lavoro con adeguate precauzioni, in particolare per le cabine per esterno, che non rientrano nelle norme specifiche delle cabine prefabbricate, vanno installate con le opportune cautele atte ad evitare situazioni di pericolo. La cabina metallica viene fornita con profilati in acciaio pressato piegato / grecato, saldati con CO2. Tutte le saldature esterne, incluse quelle sul basamento, sono in continuo con penetrazione della saldatura totale. Tutte le fessure vengono riempite con compositi siliconici (gomma monocomponente per l’assemblaggio elastico e la sigillatura di componenti esposti ad elevata temperatura nei settori elettrodomestico automobilistico, impiantistico). Inoltre, la cabina metallica è predisposta per l’allacciamento alla rete di distribuzione in cavi sotterranei a MT ed a BT

Trasformatori in resina

Trasformatori in resina rappresenta una soluzione alternativa per la distribuzione dell’energia elettrica in media tensione. Maggiore robustezza, minore manutenzione richiesta, ridottissimo rischio di incendio, ridotto impatto ambientale, maggiori temperature di lavoro ammissibili sono alcuni dei numerosi vantaggi che il trasformatore in resina offre.
Su richiesta si realizzano anche taglie speciali sotto il 50 kVA e sopra il 3150 kVA e macchine con particolari caratteristiche tecniche diverse dalla serie standard.Normativa: tutti i trasformatori sono rispondenti alla normativa IEC 60076-11, in particolare soddisfano i requisiti per le classi climatica, ambientale e di comportamento al fuoco C2 E2 F1.
Norme di riferimento: IEC 60076-11
Classe climatica C2
Trasformatore adatto al funzionamento, trasporto e stoccaggio a temperature fino ad un minimo di -25°C
Classe ambientale E2
Trasformatore adatto a funzionare in ambienti soggetti a frequente condensazione o a grave inquinamento o ad una combinazione di questi fenomeni.
Classe di comportamento al fuoco F1
Trasformatori soggetti a rischio di esposizione al fuoco. Presentano ridotta infiammabilità, minima emissione di sostanze tossiche e di fumi opachi.

Trasformatori in Olio

I Trasformatori isolati in olio sono ideali per l’utilizzo in ambiente esterno e negli ambienti industriali più gravosi.
Il riempimento è effettuato con olio minerale esente da PCB e PCT. La cassa è realizzata in lamiera ondulata, per consentire le dilatazioni dell’olio durante le normali fasi di riscaldamento e raffreddamento del trasformatore dovute ai cicli di carico, oppure con sistema a radiatori. E’ possibile altresì realizzare sia trasformatori con cassa ermetica che con conservatore.

Trasformatori Speciali

Trasformatori per la trazione

fornisce trasformatori destinati alla trazione in applicazioni ferroviarie, tranviarie, filoviarie e metropolitane, realizzati e collaudati secondo la normativa EN 50329. Particolare attenzione è posta ai cicli di sovraccarico che tali macchine devono sopportare durante il loro normale funzionamento.
Trasformatori per la produzione di energia da fonti rinnovabili
fornisce trasformatori destinati agli impianti di produzione dell’energia da fonti rinnovabili. Particolare attenzione è posta ai carichi armonici prodotti dagli inverter negli impianti fotovoltaici, alle sovratensioni e alle forti sollecitazioni meccaniche nelle torri eoliche, ai cicli di carico negli impianti di cogenerazione e di produzione di energia dalle biomasse.

 

Ciclo Produttivo

Avvolgimenti
Gli avvolgimenti in MT sono realizzati in filo, piattina o bandella di materiale conduttore: alluminio o rame. Sono isolati in classe F e vengono inglobati in stampi sotto vuoto in una mescola tra i cui componenti vi è resina epossidica, essa insieme ad altri componenti, nel rispetto di opportune percentuali, conferiscono le dovute proprietà isolanti, termiche, climatiche e ambientali.
Dopo un adeguato pretrattamento termico di essiccazione degli avvolgimenti la colata avviene in un’autoclave sotto vuoto, si completa il processo in forno dove si realizza la transizione vetrosa che conferisce alle bobine la tipica consistenza monolitica. Gli avvolgimenti in BT sono realizzati in piattina o lastra di materiale conduttore avvolto con interposizione di strati isolanti in classe F tra una spira e l’altra. Le bobine finite vengono imbevute in vernici elettro-isolanti ed essiccate in forno. Le bobine sia di MT che di BT sono avvolte tramite avvolgitrici semi-automatiche assistite da personale altamente specializzato e programmate con software dedicato.
Nucleo Magnetico
I nuclei magnetici dei trasformatori, di progettazione interna, sono realizzati presso nostri qualificati fornitori. In pacco lamellare di ferro al silicio a grani orientati e isolati da depositi di carlite, taglio a 45 gradi step-lap, sono scelti di vario tipo a seconda delle specifiche esigenze tecniche, da quelli a perdite normali a quelli a bassissima cifra di perdita. Il nucleo è serrato tra apposite armature tenute strette da opportuni tiranti bullonati. Le stesse armature sono provviste dei carrelli di appoggio sostenuti su ruote orientabili e dei golfari per l’aggancio e la movimentazione del trasformatore dalla parte superiore. Il montaggio delle bobine sul nucleo compreso l’adeguato serraggio del pacco lamellare e l’ammaraggio degli avvolgimenti è realizzato da un’apposita unità produttiva che provvede anche alla verniciatura secondo il RAL standard o quello richiesto dal cliente. Potendo contare su un efficiente sistema di magazzino B GROUP ITALIA dispone sempre di una scorta minima dei vari materiali costruttivi di modo da garantire ai propri clienti tempi di consegna.

Servizi

  • Assistenza tecnica e progettuale
    Lo staff tecnico è impegnato nella progettazione sia di trasformatori standard per la distribuzione che di trasformatori speciali destinati a particolari tipologie di servizio. Grazie a competenza e professionalità del suo team tecnico è in grado di garantire elevati standard di produzione pur mantenendo competitività sul mercato.

  • Collaudi presenziati e sul sito
    Il collaudo di un trasformatore rappresenta la fase decisiva nel processo di fabbricazione dello stesso e serve a garantire che il dispositivo corrisponda perfettamente alle caratteristiche tecniche definite durante la progettazione. Per questo mette a disposizione, su richiesta del cliente, la sua moderna sala prove dove è in grado di eseguire tutti i test di accettazione previsti dalla norma IEC 60076-11 e in più di effettuare prove di tipo come quella di tenuta ad impulso atmosferico, di rumore, di riscaldamento e simulazione di condizioni climatiche e ambientali gravose previste dalle classi C2 ed E2.

  • Logistica
    Grazie al proprio reparto logistico, ai propri mezzi, alla collaborazione con aziende specializzate del settore, B GROUP ITALIA è in grado di gestire con tempestività ed efficienza le operazioni di consegna e se richiesto di scarico e posizionamento dei propri trasformatori sia sul territorio nazionale che internazionale. Liberando così il cliente dai gravami dell’organizzazione logistica delle consegne garantendogli puntualità, affidabilità e massima competenza.

  • Installazione
    Su richiesta del cliente B GROUP ITALIA è in grado di offrire tramite i suoi tecnici o installatori specializzati operanti nel settore anche l’installazione e la messa in servizio delle proprie apparecchiature garantendo al cliente la massima professionalità e competenza del personale tecnico impiegato.

  • Manutenzione e riparazione
    B GROUP ITALIA offre, su tutte le macchine di sua produzione, un periodo di garanzia da vizi di costruzione. Inoltre è in grado di effettuare tutte le operazioni di manutenzione o di riparazione necessarie al cliente sia in loco che nella sua struttura produttiva organizzandone anche il ritiro e la riconsegna. Tutte le parti oggetto di riparazione sono coperte da ulteriore garanzia.

ropone il trattamento delle acque con soluzioni tecnologicamente avanzate e di affidamento sicuro al servizio della collettività pubblica, internazionale industriale o del mondo agricolo.

  •          Vasche Prefabbricate a Cemento Armato (CA)

  •          Impianti Trattamento Reflui Civili

  •          Impianti Trattamento Reflui Industriali

  •          Impianti Trattamento Acque di Prima Pioggia

  •          Impianti Antincendio

  •          Vani Servizi – Locali Tecnici

  •          Impianti Separazione Liquidi Leggeri (oli, idrocarburi)

  •          Stazioni di Sollevamento – Pompaggio

  •          Impianti di Recupero Acqua Piovana

  •          Impianti Trattamento Acque Reflue Autolavaggi

  •          Sistemi di Fitodepurazione

  •          Impianti di Pressurizzazione Idrica

 

Caratteristiche costruttive vasche di contenimento

Gli elementi sono realizzati in cemento armato vibrato additivato con classe di resistenza del calcestruzzo pari a C35 / 45, Rck 45 N / mmq (o secondo indicazioni meglio specificate in offerta). Le armature interne sono in acciaio in barre ad aderenza migliorata e / o in rete elettrosaldata di tipo B450C.

Le vasche vengono prodotte tramite casseri formatori che prevedono una struttura monolitica, con un’armatura unica e una colata unica di cls. La classe di consistenza usata è la S5. Nel progetto di miscela “MIX DESIGN”, è presente anche la variabilità dell’esposizione dei prefabbricati in funzione della relativa ubicazione finale, per cui le classi di esposizione del dispositivo standard sono le seguenti: XC4, XD2, XD3, XS2, XS3, XF1 , XF2.

Le pareti laterali possono essere impostate con uno spessore variabile da mm 100 a mm 300. Il pavimento avrà uno spessore min. di mm 150 e max di mm 250 a seconda delle portanze del terreno. Tutte le strutture possono essere predisposte con apposite forometrie per consentire il passaggio di tubazioni, cavidotti, pompe di sollevamento ecc. Il soloio di copertura, è idonea a sopportare il carico permanente ed i pacchetti alternativi (manutenzione, vento e neve) oltre al transito di mezzi pesanti.

Tutti i manufatti prefabbricati sono gestiti e selezionati secondo il DM 14 gennaio 2008 e le Norme Europee (Eurocodici). Tutti gli elementi prefabbricati, sono certificati secondo quanto previsto dall’iter del CPF (controllo di produzione di fabbrica) secondo norma EN prescritto per la marcatura “CE”.

La nostra azienda, realizza i suoi prodotti adottando un sistema aziendale certificato secondo le norme UNI EN ISO 9001: 2008 e 14001: 2004, politica della salute e sicurezza sul lavoro OS-BHSAS 18001: 2007. Rif. Norme UNI EN 206-1 2006, UNI 11104 20.

 

Cabine elettriche prefabbricate di trasformazione

 

Container box elettrico

La struttura sara’ autoportante,di tipo monolitico, realizzata in lamiera di acciaio verniciata. Saranno utilizzati travi tubolari in acciaio e lamiere corrugate, perfettamente accoppiate, mediante un procedimento semi automatico di saldatura. Tutte le saldature saranno realizzate da saldatori patentati. La struttura sarà costruita, per la movimentazione, con nr. 4 blocchi di angoli inferiori e nr. 4 blocchi di angolo superiori. Nei quattro angoli e in prossimità dei punti di sollevamento, saranno inseriti dei montanti in travi di ferro e lamiera pressopiegata atti a garantire la resistenza richiesta in fase di sollevamento. Inoltre il container sarà progettato per avere un’alta resistenza al vento ed al sisma. Sarà previsto un’asola per l’ingresso/uscita dei cavi di circa 450x150 mm, la cui posizione ci sarà da Voi indicata in un secondo momento.

Cabine Omologate ENEL

Le omologate Enel hanno le stesse caratteristiche delle monolitiche, in più hanno l'omologazione Enel. Sono le seguenti: DG 2061(mm 2440x4000x2600), DG2081 (mm 2440x2100x2450), DG2062(mm 2440x3240 x2600), Torre (mm 2500x2500x8000). Il tetto è impermeabilizzato con guaina catramata, saldata e verniciata con pittura bituminosa di colore alluminio. La ventilazione naturale all'interno dei box avviene tramite finestre di aerazione che consentono l'eliminazione dei fenomeni di condensa. Il basamento di tali box è prefabbricato e realizzato come una vasca che, attraverso dei fori opportunamente predisposti, consente il passaggio dei cavi MT e BT dall'estero all'interno del box.

DIMENSIONI ESTERNE

DIMENSIONI INTERNE

COPERTUR
 

Cabine di consegna MT

Questa tipologia di cabina è di tipo monolitico in quanto realizzata in un unica soluzione e consente, per potenze importanti, di potersi allacciare in rete in M.T. Tale cabina è suddivisa, generalmente, in vano Enel per l’alloggiamento delle apparecchiature elettromeccaniche dell’Ente distributore e in vano misure, destinato all’installazione dei gruppi di misura. Lo spessore, per questa tipologia di cabina, è di cm 9 per le pareti e di cm 10 per il pavimento. Il manufatto, a richiesta del cliente, può essere corredato di una vasca di fondazione prefabbricata anch’essa di tipo monolitico, utilizzata per il passaggio dei cavi elettrici in entrata e di uscita. Tale tipologia di cabina è progettata e realizzata specifiche ENEL DG 2092 e CEI 0-16.

DIMENSIONI ESTERNE

DIMENSIONI INTERNE

COPERTURA

 

Cabine Monolitiche

Hanno la lunghezza variabili da 250 a 750 cm, larghezza ed altezza standard di cm 250x260. Sono realizzate in cav confezionato con cemento ad alta resistenza adeguatamente armato con pareti di spessore 7 cm, sono internamente ed esternamente trattate con intonaco murale plastico al quarzo che conferisce elevata resistenza agli agenti atmosferici. Il tetto è impermeabilizzato con guaina catramata, saldata e verniciata con pittura bituminosa di colore alluminio. La ventilazione naturale all'interno dei box avviene tramite finestre di aerazione che consentono l'eliminazione dei fenomeni di condensa. Il basamento di tali box può essere prefabbricato e realizzato come una vasca che, attraverso dei fori opportunamente predisposti, consente il passaggio dei cavi.

DIMENSIONI ESTERNE

DIMENSIONI INTERNE

COPERTURA



 

Cabine a pannelli

Composte da elementi modulari coibentati con polistirolo e opportunamente armati. Tali tipologie, sebbene richiedano l'assemblaggio sul posto, hanno notevole vantaggio di essere realizzate di qualsiasi dimensione e in particolare i pannelli possono essere personalizzati con tinteggiature e finiture su richiesta dalle committenze, e vi è più ampia flessibilità nelle scelte del layout di progetto. Anche se devono essere installate in loco hanno una estrema facilità e rapidità di montaggio. Queste sono realizzate in conformità alla normativa vigente sui manufatti in cav: Legge 1086/71 - D.M. 3/12/87 - circolare n. 31104 del 16/03/89 - Legge 64 del 27/02/74 - D.M. 16/01/96. I progetti sono depositati al Min.LLPP. I manufatti sono inoltre conformi alle norme CEI 11-1 e CEI EN 61330. Eurotstrutture fornisce inoltre canalette portacavi per tutte le tipologie di posa e con dimensioni e forme che raggiungono anche vere e proprie canalizzazioni scatolari per sottoservizi. E' fornitore qualificato FS-ITALFERR.

DIMENSIONI ESTERNE

DIMENSIONI INTERNE

COPERTURA


 

Container box elettrico

La struttura di tipo monolitico, è realizzata in lamiera di acciaio verniciata. Saranno utilizzati travi tubolari in acciaio e lamiere corrugate, perfettamente accoppiate, mediante un procedimento semi automatico di saldatura.

Una cabina elettrica è un'officina elettrica connessa a sistemi elettrici di I e II categoria, destinata ad almeno una delle seguenti funzioni: trasformazione, conversione, regolazione o smistamento dell'energia elettrica.[1]

La cabina di trasformazione è il complesso dei conduttori, delle apparecchiature e dalle macchine atte a trasformare la tensione fornita delle linee MT ai valori di alimentazione delle linee BT.

La cabina di smistamento consente di derivare da una o più linee in arrivo un maggior numero di linee in partenza, senza effettuare alcuna trasformazione; essa costituisce un nodo di diramazione dell'energia. Un'altra distinzione riguarda le cabine pubbliche e quelle private (o cabine di utente): le prime sono di proprietà dell'ente distributore dell'energia elettrica e servono per l'alimentazione delle utenze private in BT con tensione monofase 230 V e tensione trifase 400 V; le seconde sono di proprietà dell'utente e servono per l'alimentazione di impianti privati di grandi dimensioni (orientativamente oltre i 100 kW di potenza installata), con fornitura dell'energia elettrica in MT. Le cabine sono formate da tre stanze: una di derivazione della MT e vi ha accesso solo l'ente erogatore; la seconda è la sala di controllo dei consumi e vi hanno accesso sia l'ente che l'utente; alla terza ha accesso solo l'utente. In questa stanza sono presenti il trasformatore e i quadri elettrici di media e bassa tensione manovrabili dall'utente.

     Generalità

La cabina elettrica di trasformazione è costituita dall’insieme dei conduttori, apparecchiature e macchine atte alla trasformazione della tensione, fornita dalla rete di distribuzione a media tensione (es. 15 kV in MT), ai valori di tensione per l’alimentazione delle linee in bassa tensione (230 V, 400 V in BT). Le cabine elettriche possono essere classificate in cabine pubbliche e cabine private:

·         Cabine pubbliche – sono di pertinenza della società di distribuzione dell’energia elettrica ed alimentano le utenze private in corrente alternata monofase a 230V o trifase a 400V. Si dividono a loro volta in cabine di tipo urbano o rurale costituite da un solo trasformatore di potenza contenuta. Le cabine urbane si distinguono perché sono generalmente costruite in muratura mentre quelle rurali sono spesso installate all’esterno direttamente sul traliccio della MT.

·         Cabine d’utente – sono di proprietà dell’utente e possono alimentare sia utenze civili come scuole, ospedali, ecc. sia utenze di tipo industriale con fornitura dalla rete pubblica in MT. L’utente deve mettere a disposizione della società distributrice un apposito locale, accessibile al personale della società, in cui saranno installati i gruppi di misura con i relativi TA e TV e le apparecchiature di manovra di competenza della società di distribuzione. Le soluzioni costruttive possono essere varie, anche se negli ultimi tempi si va sempre più diffondendo l’impiego di cabine contenute in armadi metallici di tipo prefabbricato.      

Spesso, al di sotto dei 30 kW, la fornitura è effettuata in BT (anche se sono frequenti forniture fino a 100 kW e oltre). La decisione di fornire l’energia in BT o in MT spetta normalmente alla società di distribuzione ed è legata a diversi fattori, quali le condizioni della rete locale, la distanza dell’utenza dalla cabina primaria, ecc.. L’utente da parte sua, quando è possibile scegliere tra fornitura in BT e fornitura in MT, in base ad un’analisi dei costi può decidere se scegliere l’una oppure l’altra soluzione. L’energia fornita in MT ha un costo al kWh inferiore rispetto a quella fornita in BT. Anche se bisogna valutare il tempo di ammortamento della cabina di trasformazione, quantificabile in circa uno o due anni, il costo è comunque ampiamente compensato dal basso prezzo per kWh dell’energia fornita in MT.

    

14.2        Struttura e dimensioni minime di una cabina

Le cabine sono nella maggioranza dei casi ubicate nei locali stessi dello stabilimento da esse servito e sono costituite fondamentalmente da tre locali distinti. Per consentire l’allaccio alla rete di MT due locali devono essere destinati alla società di distribuzione: il primo per le apparecchiature di sezionamento, il secondo per i gruppi di misura dell’energia. Il terzo locale è destinato a contenere il trasformatore e le apparecchiature di BT di pertinenza dell’utente. Le dimensioni minime dei locali (fig. 14.1) e i canali di accesso per i cavi di media tensione e per i cavi degli ausiliari devono essere concordati con la società di distribuzione. Le soluzioni costruttive possono essere molteplici anche se fondamentalmente si possono distinguere due situazioni:

·         Disposizione a giorno: l’alimentazione dalla MT, che può essere ottenuta in cavo o con linea aerea, accede alle apparecchiature in vista fino a raggiungere il trasformatore. Il quadro di BT può essere realizzato con elementi singoli, in caso di pochi dispositivi, o racchiusi in quadro metallico. Ovviamente, per motivi di sicurezza, i locali devono essere accessibili solo al personale autorizzato.

·         Disposizione in celle (cabine prefabbricate): ogni elemento del circuito è sistemato all’interno di una cella unificata e la combinazione di più celle costituisce la cabina.

 

 

Fig. 14.1 – Dimensioni minime (in cm) più comuni dei locali di una cabina –   Altezza minima per alimentazione in cavo   230 cm, per alimentazione aerea 800 cm

14.3        Lato media tensione

Una cabina vista dal lato MT può avere sostanzialmente due configurazioni:

Cabina terminale – la linea in MT si ferma nel punto di installazione della cabina. Nella fig. 14.2 è rappresentata una cabina dotata di un unico trasformatore alimentata, come normalmente accade, da una sola linea. Si può notare il sezionatore S1  munito di coltelli di terra interbloccati con quelli di linea che servono, in occasione di lavori, per mettere a terra automaticamente la linea a monte quando si ha l’apertura dei coltelli di linea. Il sezionatore S2, anch’esso munito di coltelli di terra, e l’interruttore I (l’interruttore serve anche come protezione dalle sovracorrenti) sono di pertinenza dell’utente per le manovre sul lato MT.

 

Fig. 14.2 – Lato media tensione di una cabina utente MT/BT

 Sovente per potenze installate non molto elevate il gruppo sezionatore-interruttore è sostituito, perché più economico, da un interruttore di manovra-sezionatore sotto carico dotato di una terna di fusibili MT per la protezione dalle sovracorrenti (fig. 14.3).

 

Fig. 14.3 - Lato MT con gruppo sezionatore sotto carico-fusibili

·         Cabina alimentata in derivazione o inserita in linea ad anello – deve essere previsto un entra ed esci, ubicato nel locale MT della società distributrice, che permetta alla linea di proseguire per l’alimentazione delle altre cabine, anche in caso di guasto in un punto qualsiasi dell’anello (fig. 14.4).

 

S1, S2: sezionatori sotto carico dell’entra-esci

 S3: sezionatore di cabina  

I: interruttore generale di cabina

 

Fig. 14.4 – a) Alimentazione di cabina tramite entra-esci   b) In caso di guasto sul tratto di linea c) In caso di esclusione della cabina A

PER 

CABINE ELETTRICHE PREFABBRICATE IN CEMENTO ARMATO VIBRATO CAV OMOLOGATE ENEL A PANNELLI COMPLETE DI APPARECCHIATURE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE PRIMA PIOGGIA SECONDA PIOGGIA REFLUI SILOS ORIZZONTALI IMPIANTI ANTINCENDIO TRATTAMENTO REFLUI CIVILI E INDUSTRIALI  CABINE ENEL CABINE UTENTE MT BT DG 2061 ED.8 DG 2092 DG 10197 DG 2081 AZIENDA QUALIFICATA ENEL

Precabl Srl
Via Casapapa 5
83029 Solofra Av
Tel.0825/534783
P.IVA 02077020648

Copyright © Precabl 2017